Le patologie sport-correlate

La pratica regolare di un’attività sportiva è un’efficace forma di prevenzione di molte malattie, ad esempio quelle cardiovascolari, ma dietro questa verità si nasconde qualche insidia che può portare a problemi fisici anche di un certo rilievo. Lo sport rappresenta infatti un fattore di rischio non trascurabile per quanto riguarda le patologie traumatiche o da sovraccarico funzionale. Statisticamente, le lesioni agli arti inferiori hanno la maggiore incidenza, ma in base al numero di praticanti e alla diffusione di ogni disciplina, ciascuna con le sue peculiarità, i problemi correlati presentano naturalmente una certa variabilità di frequenza.

A livello indicativo si possono però indicare come maggiormente diffuse le lesioni e i traumi ai seguenti distretti corporei.

Ginocchio
Le lesioni a carico di questa complessa articolazione riguardano principalmente gli sport di contatto come il calcio, nei quali risultano frequenti i danni a menischi e legamenti, ma sono a rischio anche le attività come lo sci che sollecitano il ginocchio con torsioni anomale. Le infiammazioni ai tendini sono diffuse negli sport con movimenti ripetuti come la corsa ma anche in quelli con frequenti salti, come basket e pallavolo.
Piuttosto diffusa tra gli sportivi anche la sindrome femoro-rotulea, che determina dolore articolare a causa di anomalie nello scorrimento tra rotula e femore.

Spalla
Le attività caratterizzate da sollecitazioni ripetute o eccessive (esempio nuoto, tennis, pallavolo o sport di lancio dell’atletica), possono dar luogo a lesioni intra-articolari da sovraccarico funzionale dell’articolazione; quelle soggette a frequenti cadute e contusioni (es. rugby) possono determinare traumi distorsivi, lussazioni e lesioni alla cuffia dei rotatori.

Gomito
Il più frequente problema a carico del gomito è rappresentato dall’infiammazione dei tendini, ovvero la cosiddetta epicondilite che colpisce soprattutto i tennisti, ma talvolta anche i ginnasti. Il trattamento in questi casi è quasi sempre di carattere riabilitativo.

Anca
L’artrosi dell’anca è una patologia che non riguarda solo le persone anziane: sembra infatti che un’attività sportiva troppo intensa e prolungata, soprattutto in presenza di anomalie morfologiche, rappresenti un fattore di rischio per il precoce deterioramento della cartilagine articolare, con conseguente dolore causato dallo sfregamento tra il femore e le ossa del bacino.

Mano e piede
Gli sport più a rischio per quanto riguarda eventuali traumi alla mano sono quelli in cui le cadute violente non sono infrequenti, come ad esempio ciclismo o Mountain Bike, ma queste attività provocano anche ripetuti microtraumi che possono dar luogo a tendiniti o a sindrome del tunnel carpale, con dolore e intorpidimento di mano e dita.
Lesioni e traumi a piedi e caviglie sono per ovvie ragioni tra gli infortuni più frequenti nel calcio, mentre le cosiddette fratture da stress al metatarso riguardano soprattutto gli atleti che praticano corsa e atletica in modo intensivo.