Gli sport a rischio.
I consigli dello Specialista

sportrischioOgni attività sportiva va affrontata con la consapevolezza che, se svolta occasionalmente e senza allenamento, comporta dei rischi.

Anche gli sport apparentemente “innocui” necessitano sempre di un approccio consapevole che non può prescindere da un’adeguata preparazione e dalla cura nell’esecuzione del gesto tecnico/atletico.

Vediamo i consigli dello Specialista.

 

Running
Correre è l’attività sportiva più istintiva al mondo. Farlo bene e senza rischi per le articolazioni degli arti inferiori, ma anche per la schiena, non è però così scontato. A ogni passo corrisponde un impatto sul terreno che trasmette sollecitazioni a tutta la struttura articolare. Soprattutto per preservare quest’ultima è necessario:

  • Scegliere le scarpe giuste, adatte al proprio tipo di appoggio del piede.
  • Privilegiare i terreni morbidi.
  • Non essere in sovrappeso.
  • Effettuare sempre un buon riscaldamento.
  • Non cercare il continuo miglioramento della prestazione.

 

Ciclismo e Mountain Bike
Sport adatti e salutari a ogni età, a patto di praticarli in modo non esasperato, osservando poche semplici norme e senza inseguire la prestazione a tutti i costi. Pedalare in modo scorretto può causare infiammazioni articolari, mal di schiena e dolori cervicali, perciò bisogna:

  • Scegliere una bicicletta di dimensione adatta alla propria corporatura.
  • Verificare la correttezza della posizione in sella e dell’appoggio del piede sul pedale, meglio se con l’aiuto di un biomeccanico.
  • Allenarsi in modo graduale e mirato soprattutto se si vogliono affrontare salite.
  • Non utilizzare rapporti troppo duri.
  • Rallentare se si percepisce uno sforzo anomalo delle ginocchia.

 

Sci
Sport tipicamente stagionale e spesso affrontato senza un’adeguata preparazione, spesso sottovalutato sul fronte dei rischi articolari.
Cadute a parte, le basse temperature invernali causano perdita di elasticità delle articolazioni, aumentando il rischio di lesioni. Importante quindi:

  • Prepararsi con specifica ginnastica presciistica: muscoli più tonici equivalgono ad articolazioni più protette.
  • Utilizzare un’attrezzatura tecnica adeguata alle proprie capacità e scarponi stretti al punto giusto.
  • Effettuare un corretto riscaldamento prima di “buttarsi” in pista.
  • Regolare gli attacchi con precisione sul peso corporeo.
  • Evitare le piste ghiacciate o troppo difficili per le proprie capacità.
  • Smettere subito quando si avverte stanchezza.

 

Calcio e calcetto
Questi sport, tra i più praticati al mondo, possono diventare una trappola per ossa e articolazioni, soprattutto quando i giocatori non sono più giovanissimi e hanno perso elasticità muscolare. Più si va avanti con l’età più diventa importante:

  • Preparazione e allenamento costanti nel corso dell’anno.
  • Lungo riscaldamento prima di scendere in campo.
  • Privilegiare il divertimento all’aspetto agonistico.
  • Smettere immediatamente di giocare se si avvertono dolori o altri problemi fisici.
  • Non giocare se non si è in perfette condizioni fisiche e non aver fretta di riprendere dopo eventuali infortuni.
  • Dare tempo al fisico di recuperare al meglio tra una partita e l’altra.

 

Tennis
Con la sua dinamica di gioco, sollecita a fondo le articolazioni, e così sono gli esercizi specifici di preparazione che possono evitare traumi anche importanti. Le articolazioni più a rischio sono naturalmente gomito e spalla, ma anche il ginocchio, a causa dei continui spostamenti laterali. Le precauzioni da adottare sono poche ma fondamentali:

  • Per iniziare affidarsi a un maestro che imposti i movimenti corretti;
  • Preparazione approfondita e mirata sulla tonicità muscolare;
  • Riscaldamento e palleggi prolungati prima della partita;
  • Scarpe apposite, con suola studiata per questo sport;
  • Racchetta e incordatura non eccessivamente rigide;
  • Effettuare colpi (soprattutto il servizio) non esasperati o troppo spinti.